Be sweet, be a Mother

Crescere i figli… tra alto contatto ed ironia

La pizza ci costa uno stipendio all’anno :O

7 commenti

pizza

Ci sono abitudini che ormai si sono instaurate nel nostro quotidiano ed alle quali facciamo fatica a rinunciare, o semplicemente non avevamo mai pensato che ci fosse una buona ragione per farlo!

Per me e mio marito fin da quando eravamo “solo” una coppia una di queste abitudini era la pizza del sabato sera.

Già ai tempi era chiaro che dal punto di vista economico fosse preferibile farsela portare a casa piuttosto che uscire a mangiarla.

Quando però ho iniziato a pensare ad alcune strategie per limare le uscite mensili mi sono accorta che nemmeno la pizza d’asporto ha un costo propriamente irrisorio…

Facciamo due conti

Cena in pizzeria:

  • 3 pizze (mamma/papà/bambino) a circa 7/9 € cadauna
  • 2 birre/vino/bibite a circa 3 € al bicchiere
  • 1 lt d’acqua a circa 2 €
  • 3 coperti a circa 2 € cadauno
  • 2 caffè a circa 1 € cadauno
  • 2/3 dolci a circa 4 € l’uno

Per un totale approssimativo di circa 50 euro.

Pizza da asporto:

  • 3 pizze a circa 5/8 € cadauna

Per un totale approssimativo di circa 15/24 euro.

Già da queste stime salta all’occhio la differenza di prezzo;

bene, poniamo quindi che generalmente il sabato si prenda la pizza d’asporto: sappiamo davvero quanto ci costa?

15/24 euro ogni sabato, moltiplicato per quattro sabati al mese, per dodici mesi… Fanno 720/1152 euro all’anno.

Prendere la pizza d’asporto il sabato sera ci costa uno stipendio all’anno! O_o

Preso atto di questa serissima constatazione, e non volendo certo privarci di questo squisito piatto, ho deciso di rispolverare il mattarello…

Pizza fatta in casa

Trovate qui la ricetta per la pizza e potete rendere il tutto molto più divertente se vi farete aiutare dai vostri bambini (oddio, con divertente intendo per loro eh, non per la vostra cucina che si ritroverà presumibilmente in perfetto stile “Hiroshima dopo la bomba” 😛 );

Simone adora impastare, stendere con il mattarello e soprattutto posizionare le olive (“Una sulla pizza e una in bocca, una sulla pizza e una in bocca…”).

Fare la pizza in casa ci fa risparmiare (in totale per tre palati vi assicuro che non andrete a spendere più di 6/7 euro), ci fa divertire passando del tempo di qualità con i figli, incrementa la manualità e la fantasia (la nostra e la loro), aumenta il senso di autoefficacia percepita (che soddisfazione mangiare qualcosa di preparato con le nostre mani! 🙂 ) e se invitate gli amici non avrete il patema dei bambini che corrono intorno al tavolo (in pizzeria non è visto di buon occhio, mi pare…!!), inoltre potete essere sicuri della provenienza di ogni singolo ingrediente (per una fissata col biologico come me questo è fondamentale!) e farvi tre tipi di pizza diversi in una sola… Meglio di così!

So che appena leggerete “lasciate riposare per almeno otto ore” vi verranno i capelli bianchi, ma oltre che “a km 0” vi assicuro che si tratta anche di cucina “a sbattimento o”! L’impasto deve riposare, certo, ma mica dovete stare a guardarlo ;P

Se siete soliti mangiarla il sabato sera basterà prepararla la mattina o la sera prima… Basta poco, checcevò?!

Buon appetito!

P.S. Ovvio che anche la serata fuori ogni tanto ci vuole!!

Autore: Michela

Mamma ad alto contatto, laureata in psicologia dell'età evolutiva, vegana, filorientale. Nel mio blog parlo di maternità, di risparmio e della scelta vegan. Con ironia!

7 thoughts on “La pizza ci costa uno stipendio all’anno :O

  1. Si può anche far riposare meno, l’impasto 😛
    Io la faccio (come faccio il pane, d’altronde), ma deve penso venire naturale. Ci sono molte donne che non hanno tempo, che prendono cose surgelate e vigliaccate simili, sicuramente fare la pizza sarebbe fuori discussione. A mio parere è sempre un bel risparmio e mi diverto pure a farla. Non vedo l’ora di farla con la mia bimba (quando sarà abbastanza grande per potermi aiutare).

    Mi piace

    • Io la lascio riposare quattro ore circa, però con il lievito naturale essiccato… Ma magari a farla riposare di più verrebbe meglio?! Devo provare!

      Mi piace

      • Con il lievito quello in cubetti ho notato che lievita di più fisicamente, mentre quello secco un po’ meno.
        Poi dipende tanto dall’umidità della casa (e quindi dalla farina). Io la preparo nel mezzogiorno per la sera, quindi mi lievita il pomeriggio ecco. Non noto differenze se la faccio un giorno prima per la sera dopo.

        Mi piace

  2. noi (ma siamo 2 e mezzo) mischiamo: qualche volta da asporto, qualche volta pizza a pezzi, qualche volta la faccio (ma io uso il lievito di birra, per cui pranzo per cena!), qualche volta con le basi. più o meno ci rientriamo!

    Mi piace

  3. fino a qualche tempo fa avrei detto giammai alla pizza in casa ma da quando mi hanno detto che devo assolutamente stare attenta a quanto mangio per via dei calcoli ho deciso di farla io perche piu digeribile..e mi sono anche ricreduta..piu facile farla di quanto pensassi!

    Mi piace

  4. Pingback: Quanto si risparmia usando la coppetta mestruale? | Be sweet, be a Mother

  5. Pingback: Bisogni reali e bisogni apparenti: la decrescita felice e l’essere madre |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...