Be sweet, be a Mother

Crescere i figli… tra alto contatto ed ironia

Scegliere una buona scuola: importante per loro… E per noi!!

2 commenti

Foto di emilius da atlantide

Foto di emilius da atlantide

Scrivo con un po’ di tremarella ed un sorriso stampato in faccia, una serie di sentimenti contrastanti si muovono a velocità rapida dentro di me…

“L’alto contatto fa crescere bambini sicuri ed autonomi, nel rispetto dei loro tempi” è più o meno questo il sunto del pilastro di questo tipo di maternage, di educazione, di approccio… Bé, sapete che vi devo dire?!

Che porca pupazza è vero!

Da qualche giorno Simone chiede di essere lasciato alla scuola materna fino alle 16, e non fino alle 13 come io ed il papà avevamo ritenuto più opportuno all’inizio dell’anno, portandolo a casa a fare il riposo.

E’ un’idea nata spontaneamente da lui, che a dire il vero ci ha sia sorpresi sia fatti barcollare.

Bé, certo, soprattutto me.

Un mischiotto di pensieri impulsivi da madre morbosa che proprio non ce la fa a far spiccare il volo ai propri figli?

Sì, chiaro, anche. Non mi vergogno ad ammetterlo, sono quel che sono, vizi e virtù.

Uno su tutti?! “MA PERCHE’!??!?! Non stai tanto bene a casa con la tua mamma cioè me medesima?!?!?!”….

Tranquilli, non gliel’ho detto. Però l’ho pensato, perché nasconderlo?

Ma non è solo questo, è anche il fatto di avere un figlio cosiddetto “bandierina”, stamattina è stata l’esempio chiave:

Simone: “Ciao mamma, a che ora vieni a prendermi?”

Io: “Alle 13 Amore, come al solito :)”

S: “No! Vieni alle 16!”

Io: “Ok, allora papà chiede alla Sara se da domani puoi rimanere a dormire…”

S: “Nooo, vieni alle 13…”

Alle ore 13 di oggi ho ritirato un figlio incazzato nero perché voleva rimanere a scuola O_o

Figlio mio, basta che ti decidi!!

Ne ho quindi parlato con l’insegnante di riferimento e poi con la suora direttrice.

Io amo la Suor Assunta. Chi mi conosce lo sa, non è che io ed il clero si vada propriamente a braccetto, ma la Suor Assunta è mitica.

La Suor Assunta è un concentrato di dieci esperti pedagogisti, psicologi evolutivi, educatori e persino madri.

Lei ha veramente sempre il consiglio azzeccato che ti districa la matassa.

Io: “Non sappiamo bene come gestire la cosa, cambia idea continuamente, non vogliamo che passi un brutto pomeriggio…”

Suor Assunta: “Non c’è problema! Io domani quando i piccoli vanno a fare la nanna lo accompagno a vedere la sala del riposo e come funziona, poi viene a casa; sabato e domenica ci pensa e se lunedì è ancora dell’idea può tranquillamente fermarsi! Poi a seconda di come si trova quel pomeriggio deciderà. L’importante è che in voi trovi un sostegno: non riversate su di lui la vostra insicurezza, non ditegli “Ma sei proprio sicuro?!” ma “Mi sembra bello che tu voglia provare a rimanere con i tuoi amici” :)”.

Se qualcuno di voi pensava che io avessi tutte le risposte si sbagliava: le ha la Suor Assunta 🙂

A parte gli scherzi, io mi faccio mille domande per ogni decisione e sotto la scorza da dura si nasconde una sostanziosa dose di insicurezza, le parole di questa donna mi hanno aperto la via oggi.

Sono davvero contenta quindi di essere stata al tempo nuovamente incerta sul da farsi, quando tutti intorno a me pressavano per “la scuola del paese” con l’unica motivazione che “è la scuola del paese!”.

Oggi farei e rifarei la stessa scelta mille volte: abbiamo scelto per nostro figlio un posto dove mi hanno ispirato subito fiducia, dove hanno accolto con premura le mie perplessità, dove ogni volta che si è presentato un qualsiasi problema sono stati pronti e solleciti nel fornire soluzioni adatte non a loro, ma al nostro bambino.

Oggi più che mai credo e penso che non siano solo i bambini a trovarsi bene nella scuola, ma anche i genitori.

Oggi da quella scuola sono usciti un bambino sereno e fiducioso ed una mamma felice e soddisfatta.

Non mi sembra poco.

P.S. Ora devo solo superare il trauma del distacco. Il mio. O_o ;P

P.P.S. La Suor Assunta noi la chiamiamo amichevolmente Suor Nausicaa… La mattina ci accoglie con “Adel chè! Ol Simone Mario!! :D” (“Eccolo qui, Simone Mario!! :D”) e facendo “la mossa”… Se non avete presente il tipo, guardate il video! (mentre uscivamo l’ho sentita dire “Carissima! Mandami tutto per posta elettronica!” Ma dove la trovate una suora così?!)

Autore: Michela

Mamma ad alto contatto, laureata in psicologia dell'età evolutiva, vegana, filorientale. Nel mio blog parlo di maternità, di risparmio e della scelta vegan. Con ironia!

2 thoughts on “Scegliere una buona scuola: importante per loro… E per noi!!

  1. I bambini sono così, crescono e ci stupiscono..
    Siamo noi mamme che non riusciamo a star loro dietro!!
    Ma non preoccuparti, i piccoli momenti di regressione sono dietro l’angolo!!

    Mi piace

    • Più di quanto credi, la bandierina pare aver già ritrattato stamattina…!!! Oh mamma!!! 😀
      E’ proprio tipico di lui eh…
      18.30 “Amore pasta o riso?” “Pasta”
      19.00 “Patata vieni, è pronta la pasta!” “Ma io volevo il riso!!”
      Da grande farà politica temo.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...