Be sweet, be a Mother

Crescere i figli… tra alto contatto ed ironia

La mamma che vorrei essere …

2 commenti

La mamma che vorrei essere cerco di costruirla giorno dopo giorno, pezzo per pezzo…

Sono quella che spinge più oltre il limite della propria pazienza, per non alzare la voce.

Sono quella che dorme sul ciglio del letto per farti più spazio quando decidi che il tuo posto era troppo lontano da me.

Sono quella che si alza congratulandosi di avermi chiamata per fare la pipì, alle due di notte.

Quella che se rovesci di proposito un bicchiere di acqua nella tua camera ti chiede “Perché?” e sorride alla risposta “Volevo innaffiare”.

Una che ti insegna a fare il pane in casa, e chissenefrega se poi la cucina  sembra un mulino dopo la bomba atomica.

Che esagera sempre con le carezze al gatto, perché vorrei che amassi gli animali.

Quella che ha pianto all’ennesimo risveglio dell’ennesima notte dell’ennesimo mese, ma non ti ha mai fatto mancare la carezza che cercavi.

Quella che ti risponde anche se mi chiami cinquecentosei volte in un’ora e senza essere sgarbata.

Sono quella che ti dice “No, non si fa” quando sbagli e si prende le tue botte, il tuo pianto, la tua rabbia convogliandoli in un abbraccio e in una spiegazione.

Sono una che sbaglia, perché la giornata è storta o perché hai esagerato, ma che poi si scusa. Ripetutamente.

Sono quella che ti spiega tutti i perché ed i percome di ogni decisione presa a tuo carico.

Quella che se appena appena può farti scegliere ti da carta bianca.

Sono imperfetta, ma ti amo da morire.

Sono quella che si sveglia ogni dieci minuti se non stai bene.

Quella che ti racconta di quando eri nel pancione.

Una che ti dice duemila volte al giorno che sei bello.

Che ti schiocca baci a ripetizione.

Che se non finisci tutto quello che hai nel piatto pazienza.

Che quando urla contro di te poi piange e si sente pessima.

Che “Ok, se vuoi andare dai nonni vai pure 🙂 ” e poi non sa che fare senza di te in quelle due ore.

Sono quella che “Oh mio Dio se penso che a diciott’anni potresti voler andar via di casa…”.

E vorrei essere quella che ti darà il consiglio giusto.

Quella che “come non hai ancora fatto i compiti?! … Va bé, hai bisogno di aiuto?”.

Quella che ti lascerà invitare gli amici a cena.

Una che capirà quando chiudi la stanza per rimanere solo.

Vorrei essere quella che tremando ti darà le chiavi del motorino.

Una che ti avrà insegnato il rispetto per la vita, soprattutto la tua.

Una che ti darà una bella strigliata se ti metterai in pericolo.

Una che riuscirà a lasciarti andare.

Quella che apprezzerà la tua fidanzata.

Quella che magari non diventa una suocera invadente.

Quella che un giorno renderai nonna orgogliosa di nipoti fantastici come te.

Quella che se invece porti a casa un uomo non farà una piega, perché non cambia niente.

Che dirà sempre “Sono orgogliosa di te”.

Quella che spera solo che tu sia felice, presidente o benzinaio.

Che farà sacrifici per darti di più.

Che non te lo farà pesare e forse nemmeno sapere.

Insomma vorrei essere ogni giorno una mamma migliore e ti prometto che ci riuscirò, Bambino Mio.

Autore: Michela

Mamma ad alto contatto, laureata in psicologia dell'età evolutiva, vegana, filorientale. Nel mio blog parlo di maternità, di risparmio e della scelta vegan. Con ironia!

2 thoughts on “La mamma che vorrei essere …

  1. Ok, vedo tutto appannato dalle lacrime. Tana per me! Grazie di cuore.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...