Be sweet, be a Mother

Crescere i figli… tra alto contatto ed ironia

Vedo la luce!!

8 commenti

Stasera prima di preparare la cena, mentre azionavo il mio implacabile Silk-epil, con un sorriso mi sono detta per l’ennesima volta negli ultimi mesi “Ah, tutta un’altra vita!”.

No, non mi riferivo all’aggeggio infernale che ci libera dalle foreste amazzoniche cresciute sulle nostre gambe.

Mi riferivo alle cose che posso fare (ri-fare invero, prima di LUI, il bambino, era la norma!!) tranquillamente ora che mio figlio ha tre anni.

Sembran pochi, eppure la situazione dai due ai tre è cambiata radicalmente.

E dunque ora posso:

  • Farmi i peli (come si evince dall’intro del post…): oh, sì, finalmente! Ci sono stati giorni, rettifico, mesi in cui lo Yeti se m’avesse incontrata mi avrebbe guardata inorridito redarguendomi “Ti prego, depilati. Cribbio.”
    Ora Patata ha le sue sacre attività solitarie di gioco (robe che se tento di avvicinarmi mi impietrisce con “No! Tu Mamma vai via! Vieni dopo!”) ed io posso approfittare per disboscarmi. Mio marito ringrazia.
  • Guardare il gioco finale di “Avanti un altro!”: Dio benedica la passione smodata che mio figlio nutre per i numeri ed in special modo per i count-down! Mi spiace per voi che vi sognate di notte la sigla di Peppa. Tv trash? Certo, dieci minuti di risate al giorno hai presente il bene che ti fanno?!
  • Ritrovarmi due ore libere “ad minchiam” perché lui ormai si prende degli impegni da solo. Lo vado a prendere alla scuola materna e candidamente mi dice : “Io oggi vado dai nonni.” . Bene, io mi piastrerò i capelli.
  • Slancarmi sul divano per vedere un film con il papà perchè “Io vado a dormire da solo.” Questa è una grossa, grossissima novità! Ma io devo mettere i manifesti! Ma hai presente quanta gente mi ha detto in questi tre anni che mai e poi mai e poi di nuovo assolutamente mai saresti stato indipendente nel dormire perché quell’idiota di tua madre crede ciecamente nel co-sleeping?!? Ecco, ora tu ci dai un bacio, ti lasci coprire e ci dici buonanotte. Fico.
    Se penso che fino all’anno e mezzo ti addormentavi solo con me e che poi facendo i turni ad addormentarti io e tuo padre ci saremo visti credo dieci sere dalla tua nascita… Wow.
  • Invitare gli amici e riuscire a chiaccherare perché ormai gioca e si diverte con gli altri bambini… Lacrime agli occhi mentre sorseggiamo il tè delle cinque seduti ad un tavolo di adulti.
  • Uscire con le mie amiche. Tre volte all’anno eh. La mia idea su questa cosa non è cambiata, il figlio è mio e me lo smazzo io, ben felice. Però magari una volta ogni tre mesi io e la Gabry si va a casa della Marta, si mangia una pizza, si beve una birra, si ride e si scherza. E io non ho più gli occhi puntati al cellulare e la tachicardia, perché so che sei tranquillo e stai bene a casa col tuo papone.
  • Leggere. Ora che dormo, che ho del tempo libero, che stiamo sul divano dopo cena. Mi mancava.

Basta, per ora non mi viene in mente altro, ma in generale c’è più tranquillità, più lentezza, più gusto.

Il mio piccolino sta crescendo e devo dire la verità, io il tempo lo fermerei volentieri.

Ammetto che tutto ciò che ho elencato sopra mi mancava, che ‘sti figli sono delle carte assorbenti, specialmente per chi come me si crede insostituibile (Lo sono. Io sono LA MADRE!!)… Ma in certi momenti mi prende una tristezza, una stretta al cuore… Ci volano via sotto agli occhi. Me tapina.

Autore: Michela

Mamma ad alto contatto, laureata in psicologia dell'età evolutiva, vegana, filorientale. Nel mio blog parlo di maternità, di risparmio e della scelta vegan. Con ironia!

8 thoughts on “Vedo la luce!!

  1. Bellissimo post!! una mia amica mi ha girato il link con il tuo post “mio figlio non dorme” e mi ha fatto un regalo enorme! Io sono la mamma di un esemplare perfetto di bimbo che nell´ordine: si addormenta solo se cullato DA ME, si sveglia spessissimo piangendo e io non capisco come mai, cmq me lo attacco alla tetta e per fortuna li´si calma (oppure lo metto nel lettone, ma lui vuol dormire in braccio!!!) di giorno dorme solo se cullato o dalla carrozzina oppure dal marsupio che ormai è diventata una mia appendice … cmq è piccolino, ha solo sei mesi! insomma, leggendo il tuo post mi sono un sacco ritrovata e ti dirö: da quel momentoi mi sento mooolto piü serena delle mie scelte (di cullarlo, di portarlo, di non lasciarlo MAI piangere) … perchè so che da qulache parte c`è almeno un´altra mamma messa come me!

    Mi piace

  2. Grazie 🙂 Ce ne sono almeno settemila a giudicare dalle condivisioni di quel post, direi proprio che non siamo sole ❤

    Mi piace

  3. Grazie di questo post, attendo i tre anni e nel frattempo non mi sento in colpa per il co-sleeping (e tutto il resto.. :D)

    Ma come ha deciso di dormire da solo? Ql è la dinamica che li porta a cambiare abitudine, è un passaggio graduale?

    Mi piace

    • Nel nostro caso è stata una necessità di circostanza: io la mattina lavoro, esco alle 12.40 e vado a prendere Simone alla scuola materna; ho spiegato a mio figlio che lui quando torna a casa ha già mangiato, mentre io no, quindi fin dalle prime volte gli ho detto “Amore tu aspettami nel lettone, io mangio e poi arrivo” e questa è diventata una prima abitudine ad addormentarsi da solo; ovviamente credo sia importante non disattendere al “Poi arrivo”, quindi quando si svegliava ero lì anche io nel letto. Man mano ho tolto “Poi arrivo”, dicendogli semplicemente “Buon riposo, io sono di là.”. Un mesetto fa ho avuto una brutta tosse, quindi la sera gli dicevo “Amore io devo fare i fumenti per la tosse, tu avviati…” E così ora non è un problema per lui andare da solo. Anche se in realtà gli diamo sempre la scelta “Vuoi dormire da solo o con mamma/papà?” e se è il turno di mamma la risposta è ancora “Con mamma!”, mentre il papà è stato “scartato” in favore dell’indipendenza “Dormo da solo!” 😉

      Mi piace

  4. Ciao, sono una bismamma e conosco bene il problema del non dormire la notte, prima con la mia prima bambina e ora con la seconda.
    Ho anche letto i libri di cui parli nei tuoi post e anche io odio il metodo Estivill perché va contro la natura umana di mamma e di bambino e sono una convinta sostenitrice di Gonzales perché appunto l’istinto materno è sempre quello giusto, anche quando non si dorme!!!
    Continuerò a seguirti, se ti va passa da me…non parlo (ancora) della vita da mamma (ma presto mi piacerebbe), ma sono piuttosto creativa e sto cercando piano piano di trasmetterlo alla bimba più grande (spero presto anche alla seconda)!
    Buon fine settimana!

    Mi piace

  5. grazie ! Mi serviva uno spiraglio 🙂 Sono mamma di 2 gemelli maschi di 16 mesi e sono esaurita ! Ho degli aiuti x mantenere la casa in uno stato dignitoso e per darmi il tempo di fargli da mangiare ma sono delle cozze e non riesco a scrollarmeli di dosso neppure 5 minuti. IO li adoro, li ho voluti tanto ma adesso vorrei avere 5 minuti in cui spegnere il cervello e non pensare, non parlare, non giocare, non dover controllare che non si ammazzino! Ancora qualche mese dai e poi……vedrò la luce e ritirerò fuori phon e silk epil !!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...