Be sweet, be a Mother

Crescere i figli… tra alto contatto ed ironia

Via il pannolino!

Lascia un commento

via il pannolino

Il titolo completo dovrebbe prevedere “parte terza”, ma non ho scritto altri post su questo altalenante percorso per i motivi che seguono… 
La “parte prima” è durata un solo giorno lasciandomi bene o male con un gesto di “spallucce”: Gengio a marzo se ne esce con un “Io non voglio più il pannolino!”, seguito dal mio sorriso e da un “Ok :)”; tre pipì addosso dopo segnano l’epilogo con l’imperativo “IO RIVOGLIO IL MIO PANNOLINO.”, seguito dal mio “Ok O_O” ed il pensiero “Va bè, sarà per la prossima volta.”.
La “parte seconda” inizia con la mia proposta, accettata, di provare le mutandine (causa irritazione in zona genitale e fiato sul collo da “Inizia la scuola materna OH MIO DIO mancano solo tre mesi”). Un flop totale: non chiama, non vuole essere cambiato se si fa la pipì addosso, anzi nega di averla fatta!, e finisce il terzo giorno col trattenerla per 8 ore filate. Piango di nascosto e rinuncio, sentendomi contemporaneamente perdente e cretina. Not bad.
La “parte terza” arriva inaspettata a metà luglio.
Sto pulendo i pavimenti e dico senza la minima speranza ad un figlio ormai completamente votato al nudismo estivo “Amore se ti scappa la pipì e me lo dici la facciamo nel bagno 🙂 ” S: “Mi scappa adesso.” Io: “Davvero?!O_O” “Sì.” “Ah! Ehm… Ok! SE VUOI la puoi fare lì nel vasino…?” “Sì.” Va, fa, sorrido, sorride, mi complimento, si entusiasma. Wow.
Ogni tanto gli ricordo di farla, lui acconsente e tutto fila liscio da non crederci.
Qualche incidente, chiaro. Ma nessuna scena madre per cambiarsi.
Qualche piccola regressione ora che ho smesso di ricordargli di fare la pipì e si deve autoregolare (ed io un po’ mi agito al pensiero che la tenga di proposito come quel giorno), tipo “la faccio solo nel giardino” o “nel bagno del supermercato” che è sempre bello…
Ma comunque un lieto fine inaspettato ❤
Consiglio “Da oggi la faccio qui!“, una lettura che mi è capitata sotto mano ieri in biblioteca (a conti fatti, ma è piaciuta lo stesso e comunque quel testardo di mio figlio non fa nulla per imitazione quindi a nulla sarebbe valso…).
In definitiva, adoperatevi senza patemi, arriverà il loro momento…
Buono spannolinamento a tutti!

Autore: Michela

Mamma ad alto contatto, laureata in psicologia dell'età evolutiva, vegana, filorientale. Nel mio blog parlo di maternità, di risparmio e della scelta vegan. Con ironia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...